loading...
CLOSE
21 agosto 2017

Sicuro di avere un sito a Norma di legge?

Non tutti sanno che un sito internet aziendale, per essere un sito a norma di legge deve rispettare delle regole dettate dalla legislatura italiana, e che alcune omissioni sono sanzionabili a livello amministrativo e addirittura a livello penale.

Controlla subito se il tuo sito è a norma di legge.  Contattaci per avere info.

Vediamo gli obblighi principali che rendono un sito a norma di legge:

Obbligo partita iva in home page

Vediamo molti siti internet, anche sviluppati da aziende del settore che non riportano la partita iva nella parte bassa del sito internet, chiamata footer.

Ma ricordiamo che questo dato è obbligatorio, lo leggiamo sul codice civile art.35, D.P.R. 633/1972, modificato dall’art. 2, D.P.R. 404/2001, mentre la R.M. 16 maggio 2006, n. 60/E sottolinea che l’onere di pubblicazione riguarda anche siti web utilizzati per motivi pubblicitari, ovvero se utilizzate una landing page dove viene riportato solamente il prodotto che vendete.

Quindi chiunque abbia un sito e  promuova la propria attività o servizi deve mettere in evidenza in homepage la propria partita iva.

Obbligo dati societari

Se siete una società, di qualsiasi forma, siete tenuti ad indicare in una pagina del vostro sito tutti i dati societari, come Ragione Sociale, Sede Legale, Partita Iva, PEC, Ufficio Registri, Rea. Tutto disciplinato dall’art 2250 del codice civile.

La mancanza di questi dati, pone il sito non a norma di legge e prevede una sanzione fino a 2.065 euro.

Privacy utenti

Se hai un form di contatti, dove l’utente può lasciare i suoi dati, devi indicare l’informativa della privacy art. 13 e 161, D.Lgs. 196/2003 subito sotto al form, indicando il soggetto del trattamento dei dati.

Ma non basta, è necessario richiedere il consenso, che deve avvenire prima di inviare i dati.

In caso di mancanza dell’informativa sulla tutela della privacy, viene classificato come sito non a norma di legge e ci sono sanzioni tra i 6.000 e 36.000 euro, che attenzione, vengono applicate al responsabile del trattamento dei dati e non da chi vi ha sviluppato il sito.

La questione privacy è molto più complessa, perchè il sito deve avere una pagina dedicata alla privacy policy , dove si deve indicare una serie di informazioni, tra le quali le diverse forme di raccolta dei dati personali, non solo il form di contatti, ma indicare se raccogliete dati per invio di newsletter, se gli indirizzi e-mail vengono utilizzati per promozioni o scopi commerciali, interazione con i social networks, servizi di statistica come Google Analitycs e altro.


SitoSmart si affida ad un professionista del settore, Iubenda, per la gestione della privacy e cookie policy, il servizio è sempre aggiornato sulle modifiche di legge

Informativa sui cookies

I proprietari per avere un sito a norma di legge hanno l’obbligo di informare gli utenti della presenza di cookies sul proprio sito, essi siano di profilazione che tecnici, inoltre è obbligatorio in Italia il consenso preventivo dei cookies, ovvero tutti i cookies devono essere attivati solamente dopo che l’utente ha espresso il suo consenso.

Approfondimento:
http://www.garanteprivacy.it/cookie

Abbiamo notato in molti siti che la questione cookies viene gestita mettendo semplicemente una barra dove viene indicata la normativa, che spesso non rimanda ad alcuna pagina dell’informativa estesa e se invece rimanda alla pagina, spesso è un copia/incolla di pagine preconfezionate, dove spesso si riscontrano degli errori, come l’indicazione errata del titolare del trattamento dei dati oppure indicazioni obsolete.

Inoltre la maggior parte di queste barre non effettua il blocco preventivo dei cookies, che invece è obbligatorio in Italia.

Sito a norma di legge, ecco come fare

SitoSmart.it può darti tutte le informazioni necessarie per rendere il tuo sito a norma di legge. Contattaci.

Leave A Comment

SitoSmart - Simone&Stefano
Invia Messaggio